Conversion Marketing Blog

Cerca nel sito

Alberto Rossi | 10/12/2013 | Topics: Brand Engagement, brand experience

Brand Engagement come costruire una strategia di successo! (parte 1)

Strategia Brand engagementOggi costruire il successo di una marca è significa fondamentalmente pianificare una chiara strategia di brand engagement.

È necessario dare ai consumatori un motivo valido perché abbiano voglia di investire parte del proprio tempo libero interagendo con una marca. In definitiva, l’obiettivo è creare un’interazione che continui ripetutamente nel tempo e che i consumatori condividano la loro esperienza con amici e familiari spingendoli ad entrare in contatto con il brand .

Per raggiungere questo ambizioso obiettivo, dobbiamo rispondere a due quesiti importanti:

  • Cosa il consumatore vorrebbe da un determinato brand per iniziare un’interazione?
  • Come posso motivare i consumatori ad interagire con un determinato brand?

Prima di entrare nel merito di come costruire un piano di brand engagement, occorre dare una definizione chiara di questo concetto.

Secondo il dizionario inglese Collins, “engage” significa:

  • Coinvolgere (una persona o la sua attenzione) intensamente; assorbire; occupare
  • Introdurre (qualcuno) in una conversazione
  • Prendere parte; partecipare
  • Promettere (di fare qualcosa)

Queste quattro definizioni si possono applicare al concetto di brand engagement, che risulta identificabile in quattro aree di interazione con il consumatore:

Percezione: coinvolgere i consumatori, catturare la loro attenzione in modo che il brand si posizioni in maniera stabile nella loro mente.

Comunicazione: disegnare delle conversazioni a 1/2 vie con i consumatori correlate direttamente o indirettamente al brand.

Esperienza: motivare i consumatori a partecipare alla brand experience.

Promessa: rafforzare la promessa di marca con i consumatori.

Possiamo quindi dire che il brand engagement è il processo di generazione di esperienze che siano in grado di aggiungere valore alla vita dei consumatori e favorire una relazione con la marca. In altre parole ogni touch point con il consumatore deve riaffermare la promessa di marca e se possibile aprire le porte ad una relazione di lungo termine che si estenda oltre il singolo acquisto.

I consumatori interagiscono con i marchi e con gli altri individui nello stesso modo. Proprio come una persona non da confidenza ad un estraneo in piedi accanto a lei che non offre nessuna "apertura" per iniziare una conversazione, il consumatore non darà spazio ad un brand che non è in grado di aggiungere valore alla propria vita. Il punto è che risulta necessario un flusso di contenuti costante, in modo tale da tenere sempre alta l’attenzione dei consumatori e viva la relazione con la marca.

Con questo non stiamo pronosticando il fallimento dei marchi che riusciranno a lavorare sul loro livello di engagement, certamente possiamo dire che chi avrà successo in questo ambito, riuscirà ad occupare posizioni di successo di lungo termine.

Un aspetto importante riguarda il fatto che il concetto di brand engagement non è applicabile solo all’esterno della nostra azienda. E’ altrettanto importante che internamente tutti i dipendenti abbiano una relazione con la marca, altrimenti come potranno essere motivati a convincere i consumatori?

Restate sintonizzati per la parte 2 su come costruire una strategia di Brand Engagement di successo.
ebook: In-Store Communication


Post recenti

Topic

Visualizza tutti >
Go to Top