<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1048508365214708&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Conversion Marketing Blog

Cerca nel sito

Alberto Rossi | 28/11/2013 | Topics: Mobile, Brand Engagement, consumer engagement, smartphone, c

Consumer Engagement senza smartphone: impossibile!

Consumer engagement

I possessori di smartphone al mondo sono circa 1 miliardo, entro il 2015 ci si aspetta che questo numero raddoppi!

Possiamo pensare ad una strategia o un’attività di Consumer Engagement che non contempli la fruizione su smartphone?

Credo sia stato facile convincervi, ora il punto sta nell’individuare quali sono le modalità e le best practice per integrare all’interno di un’attività di Consumer Engagement un’esperienza mobile adeguata.

Di seguito 4 consigli per migliorare le performance di chi viene in contatto con un’attività tramite smartphone

1. Creare una Brand Experience di valore

Parola d’ordine personalizzazione! I consumatori che navigano da smartphone vogliono risposte rapide e concepite per loro, vogliono consigli e hanno poco tempo per decidere se partecipare ad un’attività o meno.

Sono consumatori differenti rispetto a quelli che possiamo trovare in-store o su un PC da casa, hanno voglia di contenuti intuitivi che siano subito d’aiuto alle loro esigenze a volte molto frettolose.

2. Puntare sulla Geolocalizzazione

Secondo LivePerson nel febbraio 2012, il 74% dei proprietari di smartphone avrebbe utilizzato informazioni basate sulla posizione.

Questo significa che i consumatori vogliono essere raggiunti da attività di Consumer Engagement che siano geograficamente rilevanti e che li possano indirizzare verso esperienze facilmente raggiungibili.

Anche questo rappresenta una forte spinta verso la personalizzazione, tenendo anche conto che utilizzando meccaniche geolocalizzate possiamo ottenere conversioni più elevate verso l’acquisto e sfruttare gli strumenti che permettono di incentivare gli acquirenti on-the-go. Ad esempio un’attività di Consumer Engagement che dia al consumatore un’offerta personalizzata per uno store raggiungibile, può portare ad avere ottimi risultati in termini di redemption.

3. Offrire un'esperienza mobile ottimizzata

Oggi, il 55% dei proprietari mobili di accedere al web tramite cellulare (Pew Research Center, 2012), e il 57% dei consumatori non consiglia un prodotto con un sito mobile mal progettato (Computerware 2012). È più cruciale che mai avere un sito mobile ottimizzato o un’applicazione come parte di qualsiasi attività di Consumer Engagement.

L’esperienza mobile di oggi è tutto "disegno tattile," che è essenzialmente una combinazione di disegno digitale e design industriale. Se non si progetta per il touch, non si riescono a coinvolgere i consumatori e potenzialmente avremo minori risultati.

L’esperienza mobile non potrà essere la copia esatta di quella in-store o su PC, in quanto il consumatore si troverà a viverla in una situazione completamente diversa. Il consumatore non parteciperà se non otterrà velocemente le informazioni ricercate.

4. Utilizzo del mobile in maniera integrata rispetto agli altri strumenti di Consumer Engagement

Come abbiamo detto l’esperienza su smarphone ha delle peculiarità e molte differenze rispetto a quella in-store o da PC. Rimane però importante l’integrazione tra tutti i canali, in quanto il consumatore moderno ama muoversi in maniera repentina da un’ambiente all’altro.

Addirittura spesso vengono anche mixando più canali, basti pensare al fenomeno emergente dell’utilizzo di smartphone per raccogliere informazioni davanti allo scaffale di un punto vendita.
Live & Digital: 5 passi per integrare i tuoi Eventi.


Post recenti

Topic

Visualizza tutti >
Go to Top