<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1048508365214708&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Conversion Marketing Blog

Cerca nel sito

Alberto Rossi | 24/07/2017 | Topics: digital marketing

Driver delle campagne di omnichannel marketing: la tecnologia

Driver delle campagne di omnichannel marketing, la tecnologia.png 

La tecnologia è sicuramente un driver importante nel mondo digital e ancor più nella concezione di campagne omnichannel. Riesce infatti a mettere in comunicazione online e offline, spesso passando dal canale mobile che è un po’ l’intersezione tra i due mondi del consumatore 2.0, ma non solo.

Come vedremo ci sono anche idee originali in cui la tecnologia mette in comunicazione un’advertising tradizionale con Google per poi avere di nuovo una ricaduta offline.

Le combinazioni sono molte, l’importante è fare in modo che la propria presenza sia utile al consumatore e in qualche modo soddisfi le sue aspettative.

 

Burger King

Premiata anche a Cannes, l’idea geniale di Burger King che ha saputo usare un’ADV tradizionale per attivare Google Search e far dare una risposta ai consumatori a completamento del messaggio pubblicitario.

Un’integrazione guidata dalla tecnologia che ha saputo ben sfruttare canali differenti e metterli in comunicazione per creare un valore aggiunto nel messaggio di comunicazione.

L’idea è stata quella di lanciare dalla pubblicità, dedicata alla presentazione del panino Whopper Burger, una richiesta di ricerca a Google usando i dispositivi di comando vocale ormai diffusi nelle case americane, grazie ai quali, Google ridava in risposta con lettura vocale automatica la descrizione degli ingredienti del panino stessi.

 

 

Il primo risultato della ricerca Google non era a caso una seducente e golosa descrizione di tutto ciò che componeva la bontà e qualità del panino Burger King riportato direttamente da Wikipedia, che ‘qualcuno’ aveva provveduto a riempire preventivamente.

E’ immaginabile la sorpresa del consumatore che si è trovato a fruire di questa esperienza di comunicazione omnichannel e comunque anche quando è stato reso noto che si trattava di un’iniziativa pilotata, ha avuto un’amplificazione virale importante, se non fosse per la fantastica idea.

A Cannes la campagna di omnichannel marketing ha conquistato i cuori della giuria ed è stato definito ‘the best abuse of technology ever done’.

Ha dimostrato di essere davvero un’idea innovativa, capace di aprire nuove opportunità di comunicazione ed utilizzi in campagne di omnichannel marketing.

 

Pedigree, un brand Mars Petcare

Pedigree Found è un'applicazione per aiutare in tempo reale i cani dispersi, progettata dal brand Pedigree, autorevole player nel mondo Petcare.

 

 

L’obiettivo del brand è chiaro: stare vicino al Target in modo rilevante, abbandonando quindi qualunque logica push o di comunicazione auto riferita, ma giocandosi la carta del servizio e dell’utilità.

Già in un altro post abbiamo trattato il tema di come rendersi utili ai propri consumatori sia un’efficace strategia di digital marketing, qui si tratta di omnichannel marketing, ma di fatto, indipendentemente dal canale di riferimento, essere utili è il nuovo linguaggio da adottare col consumatore moderno.

 

Con questa App Pedigree permette di inviare un allarme alle persone nel caso malaugurato tu perda il tuo cane con tanto di foto e scheda in modo tale che hi riceve l’alert possa tenere d’occhio i paraggi ed avvistarlo.

La campagna è stata fatta in Nuova Zelanda e nel giro di soli tre mesi il 10% di proprietari di cani avevano scaricato l’App e il 91% ha registrato il proprio cane sulla stessa.

Il brand challenge era evidentemente quello di emergere in un mercato abbastanza indifferenziato e sempre più affollato. Pedigree ha trovato il modo più attuale di mettersi in relazione col consumatore moderno, essergli utile e farsi amare per il servizio offerto, senza la pretesa di pubblicizzare i propri prodotti come priorità di comunicazione.

Esserci in un momento di così grande preoccupazione sa creare un legame fortissimo con il brand, sia per chi prova il dolore sia per chi partecipa alla causa come attore o spettatore.

Una campagna di comunicazione perfetta: un insight molto forte, il linguaggio corretto, omnichannel marketing, tecnologia a favore dell’integrazione e della rilevanza per il consumatore finale Il tutto a soli 5.000$ di sviluppo APP.

Quando Kotler parlava di marketing spirituale intendeva proprio questo: I brand che vincono oggi sono quelli che riescono a sostenere missioni valoriali, a condividere dei progetti e a migliorare il mondo.

Ed anche in questo caso la tecnologia è stato l’ingrediente magico che ha saputo creare un servizio, unire offline e online, fare comunicazione di valore con un beneficio di immagine davvero significativo.

 

Stay Tuned!

Richiesta contatto Aladino eventi


Topic

Visualizza tutti >
Go to Top