Conversion per la campagna contro la caccia di LAV.

  • 3.png
  • 1.png
  • 2.jpg

In occasione delle giornate di mobilitazione contro la caccia del 21 e 22 ottobre, LAV – Lega Anti Vivisezione ha deciso di lanciare una campagna di comunicazione integrata al fine di sensibilizzare e mobilitare l’opinione pubblica in merito. Per occuparsi di questa operazione, Conversion ha sviluppato per LAV una campagna omnichanelle.

Il risultato è stata una campagna multisoggetto che evidenzia l’insensatezza e l’ipocrisia delle argomentazioni a favore della caccia, partendo dall’abitudine dei cacciatori di considerarsi amanti della natura.

Il concept è stato declinato in stampa, affissioni, sul digital e nello spot radio e ciò che ha guidato tutte le execution è certamente che la conversione è fondamentale, sempre e a maggior ragione per le onlus, per cui l’awareness non è un risultato sufficiente.

Veicolare il messaggio deve comunque essere il mezzo finalizzato allo scopo di convincere le persone e far compiere loro un’azione, in questo caso la firma della petizione.

I risultati sono stati ottimi, soprattutto quando grazie alla forza dell’insight e al coraggio nell’execution, si ottengono effetti virali come quelli scatenati dal blocco dell’affissione nel comune di Milano.

La campagna si è conclusa con la pubblicazione di un video denuncia ai politici italiani, anch’esso con effetto virale importante.

 

Concorsi online: i nuovi trend
eBook: Top 50 Brand Engagement Case History
Go to Top