blog

Eventi in galleria: due cuori all’unisono – Branding e Sell out

branding-sell-out.png 

Gli eventi in galleria hanno progressivamente eroso budget agli eventi consumer outdoor. Le motivazioni sono semplici: possono garantire alo stesso branding e comunicazione e conversione e sell out.

Dunque, quando si parla di eventi in galleria dei centri commerciali, è proprio la garanzia di un ROI più elevato che ha spostato l’ago della bilancia.

Fermo restando l’utilità e la bontà degli eventi outdoor, in alcune circostanze e finalità, è certo che le gallerie dei centri commerciali forniscono una serie di vantaggi peculiari:

1- Traffico
2- Predisposizione del Target
3- Vicinanza al luogo e momento dell’acquisto
4- Impatto, poiché a parità di spazio, lo standing di un’area in galleria è maggiore che in una piazza

 

Conversion organizza eventi nelle gallerie dei centri commerciali da oltre 10 anni e sa che nell’approcciarsi all’organizzazione di questa particolare categoria di evento, è necessario considerare le caratteristiche specifiche del luogo e del momento in cui il brand entrerà in contatto con il consumatore, oltre ad un know how tecnico molto specifico relativo a tecnicalities di struttura e organizzazione, relazioni e permessi dei centri commerciali stessi.

Prima di tutto, ciò che bisogna tenere a mente è che la galleria è un contesto peculiare, vicino all’acquisto, e dunque è necessario sfruttare il suo potenziale strategico fino in fondo, come Conversion ha fatto in svariate occasioni.

Vediamo alcuni degli esempi più recenti di eventi in galleria di centri commerciali per differenti tipologie di brand, categorie di prodotto e Target.

 

Per il tour promozionale di Coca-Cola abbiamo organizzato un’attività nelle gallerie con l’obiettivo di coinvolgere i consumatori con engagement a tema calcistico, portando la voglia di festeggiare nell’area. Le donne sono state coinvolte con un quiz a risposta multipla, mentre gli uomini hanno potuto calciare un rigore; inoltre, tutti sono stati coinvolti in un’azione promozionale a supporto delle vendite, che prevedeva la partecipazione al concorso “Coca-Cola Stappa, Cancella e Vinci” a fronte dell’acquisto e provare a vincere un mini-frigorifero brandizzato.

gallery_5.png

Oppure in occasione del lancio della platform idea globale ‘Active life’ di Coca-Cola, abbiamo portato in giro per i centri commerciali un vero e proprio villaggio sportivo, chiamato appunto Sport Village, per due anni consecutivi. Giochi e sport di ogni genere hanno intrattenuto persone di tutte le età, riuscendo a comunicare il messaggio di brand con l’esperienza diretta e rinforzando la vicinanza dei consumatori alla marca.

 

gallery_2.jpgAnche per Heineken abbiamo lavorato su una brand activation a tema calcio svoltasi nei giorni precedenti alla finale di Uefa Champions League, di cui il brand è partner ufficiale. Cinque centri commerciali nella zona di Milano e dintorni hanno ospitato nelle loro gallerie uno stand brandizzato che rappresentava lo stadio di San Siro. Al suo interno i consumatori potevano divertirsi con prove di abilità, alcune con un’elevata componente tecnologica  ed altre più classiche ma estremamente ingaggianti. Tutta l’esperienza culminava poi con lo scatto di originali immagini che il consumatore poteva postare sui social network.

 

GALLERY_4.pngAbbiamo gestito l’implementazione di un in-store event per Fanta orientato a far vivere la campagna “More Fanta, Less Serious”. In questo caso la dinamica di engagement era articolata su due livelli: inizialmente il target veniva attratto nell’area da un semplice gioco interattivo, per poi essere invitato a entrare nel FantaBox, una speciale area in cui era possibile mettersi alla prova registrando filmati comici per far ridere i passanti.

 

GALLERY_2.pngPer massimizzare la partecipazione del target nel corso di un evento per Violetta, abbiamo attivato meccaniche di engagement coerenti con il target della serie Disney. Le bambine hanno potuto partecipare insieme agli animatori, a karaoke, balli di gruppo e sessioni di make-up a tema. In questo modo, oltre a far divertire le bambine, abbiamo lavorato per cercare di convertire il maggior numero di genitori presenti in nuovi clienti per i prodotti Sky.

 

Il successo di queste attività conferma che è importante partire dalla considerazione delle caratteristiche del target e del contesto in cui ci si muove: è possibile costruire meccaniche ingaggianti ed efficaci anche in un contesto ibrido come quello della galleria, attivando le giuste leve per far partire il processo di conversione.

Stay Tuned!

 

{{cta(’94e34953-d290-4084-a4eb-f59261883716′,’justifycenter’)}}